Citizen science

La Citizen science si riferisce a tutti quei progetti in cui i partecipanti raccolgono e condividono dati e osservazioni, spesso su vaste aree geografiche o su lunghi periodi di tempo, o a quelli in cui migliaia di persone, lavorando on line, aiutano a processare quantità inimmaginabili di dati come nella classificazione di immagini o nella trascrizione di testi. Il Network Nazionale della Biodiversità ha voluto integrare e valorizzare i dati (licenza open data) dei  più importanti  progetti internazionali di Citizen Science Internazionali che di seguito brevemente descriviamo :

GBIF - Global Biodiversity Information Facility (GBIF)

GBIF Logo

 

La Global Biodiversity Information Facility (GIBIF) è il più importante portale open access internazionale; nato nel 2001, che favorisce l'accesso, la scoperta e l'uso di informazioni riguardanti la biodiversità degli organismi nel tempo e nei paesi del mondo. Il Global Biodiversity Information Facility (GBIF) è stato istituito dai governi di 2001 per incoraggiare l'accesso libero e aperto ai dati sulla biodiversità, tramite Internet. Attraverso una rete globale di paesi e organizzazioni, GBIF promuove e facilita la mobilitazione, l'accesso, la scoperta e l'uso di informazioni sulla presenza di organismi nel tempo e in tutto il pianeta. Il Global Biodiversity Information Facility (GBIF) è una organizzazione internazionale che si propone di rendere i dati scientifici sulla biodiversità disponibili via Internet utilizzando i servizi web. I dati vengono forniti da molte istituzioni in tutto il mondo; il sistema informatico della GBIF rende questi dati accessibili e ricercabili attraverso un unico portale. Le informazioni disponibili attraverso il portale della GBIF sono principalmente quelle sulla distribuzione mondiale di piante, animali, funghi e microbi, e quelle sui nomi scientifici.

La missione del Global Biodiversity Information Facility (GBIF) è quella di facilitare un accesso libero e gratuito alle informazioni sulla biodiversità di tutto il mondo per sostenere lo Sviluppo sostenibile. Le priorità, con particolare attenzione alla promozione della partecipazione e del lavoro attraverso i partner, includono i dati sulla biodiversità, lo sviluppo di protocolli e standard per assicurare l'integrità scientifica e l'interoperabilità, la costruzione di una architettura informatica per consentire l'interconnessione di diversi tipi di dati da fonti disparate, la promozione di capacità di sviluppo di strumenti di analisi per migliorare il processo decisionale.

982.000.000 records

38.000 datasets

1.163 istituzioni coinvolte

 

In Italia

1.401.000 records

1227 datasets

 

iNaturalist.org

E’ una piattaforma  in cui si può registrare ciò che si osserva in natura, collegandosi con gli altri amanti della natura per conoscere il mondo naturale. Dagli escursionisti ai cacciatori, dagli appassionati di birdwatching,  il mondo è pieno di naturalisti e molti registrano ciò che si trovano.    Cambiamenti climatici, specie aliene, tutela specie minacciate. I cittadini si trasformano in ricercatori sul campo, raccogliendo dati, campioni, immagini e quant’altro possa essere utile alla ricerca. Tutto utilizzando le potenzialità delle moderne piattaforme digitali mobili – quali smartphone e tablet – al fine di facilitare la raccolta di dati in campo, e di aumentare la visibilità del progetto.  Fornendo  ai cittadini informazioni adeguate a coinvolgerli nella raccolta di dati su alcune specie guida rappresentative di specifici problemi ambientali, essi  acquisiranno conoscenze e competenze tali da portarli a diventare, nel corso del progetto, una sorta di “citizen expert”, figure a metà tra il semplice curioso e il ricercatore.

iNaturalist home

https://www.inaturalist.org 

La piattaforma permette di condividere online tutte queste osservazioni con il risultato principale che le osservazioni si condividono, arricchendo la conoscenza dei luoghi.   Più persone registrano le osservazioni, più si popola la piattaforma, creando  una registrazione “vivente” della vita sulla Terra che scienziati e amministratori potrebbero usare per monitorare i cambiamenti nella biodiversità e che chiunque potrebbe usare per sapere di più sulla natura.

Statistiche

Osservazioni: 7451503

Identificatori: 32067

Osservatori : 182121

Presente su i dispositivi mobili Android/IOS (licenza open data) (licenza open data)

 

Campagna Network Nazionale della Biodiversità

L'NNB è una campagna di iNaturalist che implementa un sistema di gestione dati condivisi costituito da un nodo centrale, che consente di effettuare la ricerca e la gestione dei dati, e nodi periferici (database che hanno dati di biodiversità primaria) al fine di garantire la consultazione e l'integrazione efficiente delle informazioni sulla biodiversità , tutto fatto senza il trasferimento fisico dei dati, che risiedono sempre in istituti cooperanti che mantengono tutti i diritti legali.
Chiunque abbia dati primari di biodiversità, o piuttosto di informazioni relative a registrazioni di osservazioni e campioni conservati in collezioni scientifiche, può aderire alla Rete Nazionale Biodiversità inviando la propria manifestazione di interesse (invio di posta o compilazione del modulo disponibile online). La partecipazione può essere un contributore semplice o di entità o, se si dispone di requisiti specifici, come il Punto di riferimento (FP) o Centro di eccellenza (CoE).
La valutazione e la validazione della DB è svolta dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS), i cui membri si trovano in diverse Università, Musei di Storia Naturale e altri istituti di ricerca sparsi in tutto il paese, con persone che occupano una posizione di leadership nel mercato italiano per quanto riguarda nell'area della biodiversità naturale (specie, habitat, banche dati e cartografia).
La validazione di DB viene eseguita sulla base di una valutazione complessiva, in cui il Ministero dell'Ambiente ha il diritto di intervenire, l'accuratezza, la rilevanza, la completezza e la ragionevolezza dei dati.

iNaturalist progetto NNB

Indirizzo del progetto su iNaturalist: https://www.inaturalist.org/projects/nnb

Statistiche campagna NNB (aggiornamento 10/10/2018):

Osservazioni: 2713

Specie: 597

Osservatori: 87

 

 

MIPP

http://lifemipp.eu

Lo scopo

Il progetto MIPP ha avuto come obiettivo principale quello di sviluppare e testare metodi per il monitoraggio di cinque specie di coleotteri presenti negli allegati II e IV della Direttiva Habitat (*Osmoderma eremitaLucanus cervusCerambyx cerdo, *Rosalia alpina e Morimus asper/funereus). Per Osmoderma eremita, è stato inoltre addestrato un cane in grado di fiutare il caratteristico odore delle larve. Un secondo obiettivo del progetto era quello di raccogliere dati faunistici tramite la Citizen Science (cioè "scienza dei cittadini"), utilizzando il web e un? App dedicata. Un'altra componente del progetto LIFE+ era quella di informare ed educare il pubblico su temi quali Natura 2000, Direttiva Habitat, monitoraggio e insetti saproxilici. Il cane, oltre ad essere impiegato nel monitoraggio di Osmoderma eremita, ha rappresentato un elemento in grado di suscitare la curiosità del pubblico, attirando l'attenzione su questo raro coleottero e sui temi sopra citati.

Risultati - Metodi di monitoraggio

I metodi di monitoraggio delle specie target sono stati sperimentati in cinque aree, che sonoparti integranti della rete italiana Natura 2000 (SCI e SPA). Dopo aver testato vari approcci per ciascuna specie, è stato individuato un metodo di monitoraggio giudicato "migliore", allo scopo di rilevare le variazioni di abbondanza delle popolazioni nel tempo. Per Lucanus cervus, il metodo selezionato consiste nel realizzare transetti di avvistamento, camminando al crepuscolo, lungo un percorso di lunghezza standard (lunghezza 500m e larghezza fino a 10m), contando tutti gli adulti presenti. Per Osmoderma eremita, è stato selezionato un metodo di cattura basato sull?uso di trappole a finestra (costituite da due pannelli neri disposti sopra un imbuto), innescate con il feromone sessuale della specie. Per Cerambyx cerdo, il metodo selezionato prevede l?utilizzo di trappole aeree (due contenitori cilindrici, separati da una rete) innescate con vino rosso, vino bianco e zucchero. Per Rosalia alpina, il metodo selezionato consiste nel controllo regolare di 15 alberi di faggio selezionati a priori con diametro maggiore di 30 cm, morti o ricchi di legno morto ed esposti al sole. Per Morimus asper/funereus, il metodo selezionato consiste nella costruzione di cataste con tronchi e rami appena tagliati (che funzionano come attrattivi per gli adulti di questa specie) e nel controllo periodico delle stesse.
La descrizione dettagliata dei metodi e dei risultati ottenuti per ciascuna specie sono stati pubblicati in articoli scientifici nella rivista Nature Conservation; questi metodi sono destinati ad essere utilizzati dalle autorità di gestione e dal personale delle aree protette, in quanto garantiscono nello stesso tempo validità scientifica, facilità di esecuzione e costi limitati.

Risultati - Citizen Science

I dati raccolti dai cittadini sono stati validati da esperti, sulla base delle fotografie inviate con le segnalazioni. Negli anni 2014-2016, su un totale di 2.308 segnalazioni, ben 1.691 (73,2%) sono risultate corrette. La maggior parte delle segnalazioni sono state rinviate tramite il sito web, anche se quelle effettuate con smartphones e tablets sono aumentate progressivamente. La specie più segnalata è stata Lucanus cervus, seguita da Morimus asper/funereus e da Rosalia alpina. I dati dei cittadini hanno anche permesso di analizzare la distribuzione altitudinale e la fenologia delle specie.

Risultati - Divulgazione

Durante il progetto MIPP sono state realizzate molte attività didattiche; un esempio è il modulo "MIPP-iacciono gli insetti" utilizzato con gli studenti di scuole primarie e secondarie di I grado. In totale sono stati svolti 227 incontri nei quali sono stati coinvolti 6.109 studenti. Inoltre, sono stati organizzati 197 eventi (seminari, partecipazione a manifestazioni e fiere sulla biodiversità o altre tematiche ambientali) che hanno visto la partecipazione di 8.162 persone. Sono anche stati effettuati 21 seminari per gestori di aree protette e 22 escursioni per il pubblico generico nelle 5 aree di progetto, coinvolgendo rispettivamente 502 manager e 864 cittadini. La divulgazione è anche avvenuta attraverso il sito del progetto, costantemente aggiornato, programmi radiofonici e televisivi e attraverso oltre cento articoli su testate locali, nazionali e siti web. In fine, è stato organizzato un workshop internazionale e una giornata tecnica per gli Osservatori Regionali per la Biodiversità, gli Uffici Territoriali Carabinieri per la Biodiversità, gli Enti Parco, le Riserve e tutti coloro che sono impegnati nella gestione di siti Natura 2000.

 

Osservazioni: 2434

 

CSMON-Life

Logo CSMON

 

Il primo progetto italiano LIFE di “citizen science” sulla biodiversità che ha coinvolto i cittadini nello studio, nella gestione e nella conservazione della biodiversità, creando un’attiva collaborazione tra i cittadini, la comunità scientifica e le istituzioni.

 

Obiettivi

L’obiettivo principale è stato la sensibilizzazione dei cittadini sui cambiamenti climatici, una delle questioni ambientali più urgenti e rilevanti. È necessario aumentare la consapevolezza e raccogliere informazioni validate scientificamente al fine di sostenere politiche appropriate per la conservazione delle specie rare e minacciate e il controllo delle specie invasive nell’ambito degli attuali cambiamenti climatici.

I risultati finali di questa campagna hanno permesso di capire meglio quali specie saranno potenzialmente favorite o svantaggiate dai cambiamenti climatici. Una volta resi disponibili i dati raccolti dai cittadini volontari, è stato adottato un protocollo per elaborare le nicchie ecologiche delle specie e cinque mappe di idoneità ambientale per ciascuna specie.

Cittadini coinvolti . Più di 4000 utenti hanno raccolto oltre 10.000 osservazioni, riferite alle 66 specie oggetto del progetto cSMON-Life.

http://www.csmon-life.eu/

Osservazioni 10.000

Specie 66

Osservatori 4000

 

APP disponibile per dispositivi Android e IOS