Come funziona il NNB

Chiunque sia in possesso di dati primari di biodiversità, o meglio di informazioni collegate a registrazioni di osservazioni e a campioni conservati nelle collezioni scientifiche, può aderire al Network Nazionale per la Biodiversità, inviando la propria manifestazione di interesse (compilazione del form presente online). 

 

Una volta ottenuto il parere positivo, si procede alla stipula di un Protocollo di intesa (bozza) tra l’Ente e il Ministero dell’Ambiente, all’adeguamento tecnico del DB necessario alla messa in interoperabilità e infine alla pubblicazione.

Aspetti Tecnici

Le banche dati possono essere pubblicate, in interoperabilità, attraverso 2 sezioni del Network:
• in web-GIS, che segue le scelte operative e logiche del Geoportale Nazionale, per pubblicare cartografie tematiche;

• in Biocase, che segue le scelte operative e le logiche del sistema Biocase Europe (http://www.biocase.org/ e http://search.biocase.org/europe/), per pubblicare dati primari.

Affinché le banche dati siano inserite all’interno del sistema informativo interoperabile predisposto, i dataset devono avere almeno i seguenti requisiti:
• devono essere in formato digitale (access, database, xls, shp, ecc.)

• avere un documento che li descriva in forma testuale con una mappa dei campi

• essere dotati di metadati.

Una volta appurati questi requisiti, per iniziare a lavorare sui DB da pubblicare, sono a disposizione i seguenti documenti di riferimento:

indicazioni di base per iniziare a lavorare in logica Biocase

linee guida per l’impostazione di un database ex novo

vademecum per adattare una banca dati già esistente alla pubblicazione su Biocase/Geocase

manuale installazione Biocase tradotto in italiano (ulteriori Indicazioni sono reperibili su http://wiki.bgbm.org/bps/index.php/Installation)

manuale WebGIS del Network Nazionale della Biodiversità

File XLS per la creazione dei metadati geografici del Network Nazionale della Biodiversità